A “Caffeina” facciamo l’Europa! Bini Smaghi e io a Viterbo venerdì 30 giugno e domenica 2 luglio

.

0
0
0
s2smodern

Bini Smaghi, dialogando con me, presenta “La tentazione di andarsene” (Il Mulino). Chiusura del festival con il mio “Eurosprechi” (Chiarelettere). Andrea Baffo presidente di Caffeina, Filippo Rossi direttore artistico e Giorgio Nisini direttore sezione letteratura

Dice Lorenzo Bini Smaghi: “L’Europa è in ritardo perché il suo disegno istituzionale rimane incompleto e perché alcuni paesi, segnatamente l’Italia, non hanno ancora fatto le riforme necessarie per tenere la propria economia al passo degli altri”. Osserva Roberto Ippolito: “Il domani per l’Europa ci può essere, se l’Europa cambia. Il futuro dell’Unione, sistematicamente criticata per pensare solo ai soldi, si gioca in gran parte sulla capacità di pensare meglio proprio ai soldi disponibili grazie ai contributi degli stati membri, le tasse versate dai cittadini”.

Sono le parole dei due autori che caratterizzeranno in chiave europea il weekend finale dell’undicesima edizione del festival culturale “Caffeina” a Viterbo. Alle 21.00 di venerdì 30 giugno 2017, nella Sala Regia del Palazzo dei Priori, in Piazza del Plebiscito, Bini Smaghi dialogando con Ippolito presenta il suo libro “La tentazione di andarsene. Fuori dall'Europa c'è un futuro per l'Italia?”, pubblicato da Il Mulino. Alle 22.00 di domenica 2 luglio la manifestazione arriva alla chiusura con Ippolito che parla del suo “Eurosprechi. Tutti i soldi che ‘Unione butta via a nostra insaputa”, edito da Chiarelettere.

Insomma a Viterbo, grazie a questi due libri, si cerca di capire come si può fare l’Europa. Ovvero quello che non va e quello che è necessario. L’attenzione è dedicata soprattuto all’Italia, all’interno dell’Unione, da parte di Bini Smaghi, presidente di Société Generale, visiting scholar al Weatherhead Centre for International Affairs di Harvard e dal 2005 al 2011 componente del comitato esecutivo della Banca centrale europea.

Il cattivo funzionamento della macchina europea, che rovina il sogno dell'Unione, è documentato dall’indagine di Ippolito, che ha firmato libri di inchiesta di successo (i precedenti sono “Ignoranti” e “Abusivi” sempre con Chiarelettere) ed è organizzatore di eventi culturali (in particolare nel 2017 “Voluminosi”, festival non stop di nove ore con scrittori di spicco organizzato con la libreria Nuova Europa I Granai),

Presidente della Fondazione Caffeina è Andrea Baffo. Direttore artistico Filippo Rossi e direttore sezione letteratura Giorgio Nisini.