Felicità per Marianna Ucrìa al teatro Palladium! Festeggio Dacia Maraini per il milione di copie il 16 ottobre

.

0
0
0
s2smodern

Evento ideato e condotto da me. Proiezione del film “Marianna Ucrìa”, seguita dalla conversazione con Diego De Silva e Roberto Faenza. Ingresso libero. Organizzazione della libreria Nuova Europa I Granai

(Comunicato stampa) Una vita piena di tormenti, dolorosa e anche appassionata. Ma “La lunga vita di Marianna Ucrìa” è segnata da un successo ininterrotto. Tanto che il romanzo di Dacia Maraini, pubblicato da Rizzoli, sta per conoscere un momento di grande felicità: taglia il traguardo del milione di copie vendute nella sola Italia più quelle diffuse in tutto il mondo con innumerevoli traduzioni.

La scrittrice viene festeggiata alle 20.00 di lunedì 16 ottobre 2017 con l’evento “Un milione di Marianna Ucrìa”, sottotitolo “Il grazie dei lettori a Dacia Maraini”, ideato e condotto dallo scrittore Roberto Ippolito al Teatro Palladium, in Piazza Bartolomeo Romano 8 alla Garbatella a Roma. Nella prima parte della serata viene proiettato il film “Marianna Ucrìa”. Nella seconda lo scrittore e sceneggiatore Diego De Silva e il regista della pellicola Roberto Faenza conversano con Dacia Maraini. Questa speciale celebrazione è organizzata dalla libreria Nuova Europa I Granai di Barbara e Francesca Pieralice, con ingresso libero fino a esaurimento posti.

È Roberto Ippolito a indicare il significato di questa iniziativa: “Al teatro Palladium si festeggiano un personaggio, Marianna Ucrìa, e Dacia Maraini che lo ha regalato a un’infinità di lettori con il suo straordinario talento. Ma con loro due viene celebrata la potenza della letteratura più alta che impone di guardare dentro le cose e consente di riflettere sull’affermazione dell’identità femminile, sulla forza di volontà, sulla disabilità, sulla memoria. Grazie di cuore, Marianna e Dacia!”

Dal 1990 il libro continua a emozionare e a essere letto incessantemente. In quello stesso anno non solo vide la luce, conquistando l’immediato consenso del pubblico, ma vinse anche il Premio Campiello. Sette anni dopo uscì il film. E poi è stato sempre al centro dell’attenzione, rappresentato a teatro o oggetto di tesi di laurea. La sera del 16 ottobre al Teatro Palladium, l’ultima edizione del romanzo, edita sempre da Rizzoli, è disponibile avvolta in una fascetta speciale in tiratura limitata.

I tratti essenziali della dura storia di Marianna Ucrìa e il senso degli avvenimenti vengono approfonditi da Dacia Maraini nel dialogo con De Silva e Faenza guidato da Ippolito: nella Sicilia del settecento, caratterizzata a dispetto del secolo dei lumi da impiccagioni, inquisizione, matrimoni d’interesse forzati e chiusure in convento senza la vocazione, la protagonista, appartenente a una famiglia nobile, è sordomuta per un violento trauma ed è costretta a sposare a soli tredici anni uno zio, fratello della madre.

Le vicende sono frutto della fantasia ma con la ricostruzione storica molto precisa e qualche risvolto autobiografico. Il personaggio di Marianna Ucrìa è ispirato a Marianna Alliata Valguarnera, antenata da parte materna di Dacia Maraini, colpita a Villa Valguarnera a Bagheria dal suo ritratto con un foglietto fra le mani indispensabile per comunicare a causa della sua disabilità.

Osservano Barbara e Francesca Pieralice: “Marianna Ucrìa è una compagna speciale non solo perché sempre richiesta in libreria ma per il valore della scrittura esaltato dalle sue pagine. Per questo siamo orgogliose di celebrare lo straordinario risultato del romanzo di Dacia Maraini, che va molto al di là del dato commerciale”.

Il luogo individuato per l’evento ha una motivazione particolare: il Palladium è il teatro dell’Università Roma Tre che lo ha riscattato dal degrado, valorizzando la struttura originaria del 1927 con un restauro accorto e offrendo un piano articolato di eventi culturali rivolti alla città, al quartiere e in modo specifico agli studenti e ai docenti. La collaborazione per lo svolgimento dell'evento è preziiosa. L'organizzazione ringrazia la Fondazione Roma Tre Teatro Palladium.

Dacia Maraini - Autrice di romanzi, racconti, opere teatrali, poesie e saggi editi da Rizzoli. Ha vinto il Premio Strega nel 1999 con “Buio”. Nel 2011 è stata tra i finalisti del Man Booker International Prize. Dal 2014 è tra i candidati al Premio Nobel per la letteratura. Il suo ultimo libro è “La bambina e il sognatore”.

Diego De Silva – I suoi ultimi due libri, pubblicati con Einaudi, sono nell’ordine “Terapia di coppia per amanti” (da cui è tratto il film in uscita a fine ottobre) e “Divorziare con stile” con il suo personaggio di grande popolarità, l’avvocato Malinconico. Tra gli altri titoli “Non avevo capito niente”, vincitore del Premio Napoli e finalista Strega.

Roberto Faenza – Oltre “Marianna Ucrìa” altri suoi film sono stati ricavati da importanti opere letterarie italiane: “Sostiene Pereira” e “I giorni dell’abbandono” i cui libri sono rispettivamente di Antonio Tabucchi e di Elena Ferrante. Nel 1993 ha vinto il David di Donatello con “Jonas che visse nella balena”.

Roberto Ippolito – Autore di libri di inchiesta di successo. L’ultimo è “Eurosprechi” dopo “Ignoranti” e “Abusivi” con Chiarelettere. È organizzatore di festival culturali nei luoghi più diversi come il Maxxi o il centro commerciale di Cinecittà. Con la Nuova Europa I Granai ha realizzato “conPasolini” e “Voluminosi”, 9 ore non stop con scrittori.

Barbara e Francesca Pieralice – Intraprendenti figlie d’arte, animano la libreria indipendente Nuova Europa nel centro commerciale I Granai, in zona Tintoretto-Ardeatina, a ridosso dell’Eur a Roma, con l’obiettivo di fare comunità. Una scommessa vinta con le iniziative promosse, essendo un punto di riferimento culturale della capitale.

Info

Libreria Nuova Europa I Granai, via Mario Rigamonti 100, Roma

0651955770 facebook.com/LibreriaNuovaEuropaGranai/

Foto

Maurizio Riccardi Agr