Il tuo grande amore per le regole, ciao Stefano

.

0
0
0
s2sdefault

È impossibile che, fra tanti ricordi, la mente, quando apprendo la notizia della morte di Stefano Rodotà, non vada lì. A quel giorno, venerdì 5 aprile 2013, che è nel mio cuore: Rodotà e Tullio De Mauro presentano il mio libro “Ignoranti”, pubblicato da Chiarelettere, nella Sala Colleoni dell’Accademia delle Belle Arti di Roma nell’incontro condotto dalla docente Miriam Mirolla (qui la fotocronaca). Il giurista e il linguista, due uomini di incredibile cultura scomparsi a nemmeno sei mesi di distanza, il 5 gennaio e il 23 giugno 2017. Quel giorno di quattro anni fa, come sempre, spicca la grande passione che ha avuto Rodotà per le regole. “La scuola pubblica è un organismo costituzionale” puntualizza per farne risaltare l’importanza. La bellezza della legge perde un sostenitore unico. Ciao Stefano.

Foto di Maurizio Riccardi Agr: Tullio De Mauro e Stefano Rodotà presentano “Ignoranti” (Chiarelettere) di Roberto Ippolito venerdì 5 aprile 2013 all’Accademia delle Belle Arti di Roma