La storia del Premio Strega è la nostra storia: la racconto alla Rai mondiale venerdì 10 giugno

.

0
0
0
s2sdefault

A “Community” partecipano Stefano Petrocchi e Maurizio Riccardi, conduce Benedetta Rinaldi.

VIDEO (da 27’65”)

Le prime ipotesi vennero fuori con la seconda guerra mondiale ancora in corso e con l’ansia del riscatto che premeva. Le sue origini dicono già tanto di cos’è il Premio Strega, che vide la luce nel 1947 e che sta celebrando la settantesima edizione. “La storia del riconoscimento letterario più prestigioso e ambito accompagna tutta la storia del nostro paese, culturale e non” racconta Roberto Ippolito, scrittore, giornalista e giurato del Premio in qualità di Amico della domenica, ospite venerdì 10 giugno 2016 di “Community”, programma di Rai Italia, il cui segnale viene diffuso in tutto il mondo.
A “Community” intervengono anche Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Bellonci e segretario del Premio Strega, e il fotografo Maurizio Riccardi, curatore della mostra dell’Archivio Riccardi “Vita da Strega” nata proprio da un’idea di Ippolito. Condotto da Benedetta Rinaldi, il programma propone episodi di ieri e oggi. Petrocchi è anche l’autore del romanzo “La polveriera”, pubblicato da Mondadori, che svela momenti e personaggi. Riccardi descrive i cambiamenti attraverso le immagini. Con Ippolito, gli ospiti parlano di Alberto Moravia e Ennio Flaiano, di Elsa Morante e Pier Paolo Pasolini, di Dacia Maraini e Cesare Pavese e di tanti altri.
Intanto la corsa del Premio Strega è lanciatissima: mercoledì 15 giugno viene eletta la cinquina finalista, venerdì 8 luglio viene scelto il vincitore.