“Abusivi”, parola al governo. Il libro discusso dal sottosegretario Borletti mercoledì 4 a Corviale

.

0
0
0
s2sdefault

Ilaria Borletti Buitoni e Roberto Ippolito Viterbo 27 giugno 2013 Dal decoro cittadino offeso agli scempi del territorio, dalla sicurezza dei consumatori non garantita fino all’evasione fiscale: la parola al governo su tutti i danni provocati dalle regole violate e aggirate. Il libro di Roberto Ippolito “Abusivi”, pubblicato da Chiarelettere, viene discusso dal sottosegretario Ilaria Borletti Buitoni alle 17.00 di mercoledì 4 febbraio 2015 nella Biblioteca comunale Renato Nicolini, ex Corviale, in via Marino Mazzacurati 76, a Roma. Modera Serena Bortone, autrice di “Agorà” in onda su Rai3 e conduttrice dell’edizione estiva. Al termine dell’incontro viene offerto un aperitivo.

Nella capitale segnata dall’abusivismo su tutti i fronti, come denunciato in modo circostanziato dal libro che comunque non fa sconti a nessuna parte dell’Italia, la scelta del luogo della presentazione di “Abusivi” di Ippolito con Borletti Buitoni per ragionare di regole e cultura è estremamente particolare. Corviale è una sorta di simbolo della periferia romana, con i suoi malesseri ma anche con una spinta culturale. Da due anni la Biblioteca è intestata a Renato Nicolini, l’assessore alla cultura creatore dell’Estate Romana nella seconda metà degli anni settanta: si trova accanto al Serpentone, i due palazzi abbinati lunghi un chilometro di proprietà dell’Istituto Autonomo Case Popolari, teatro di occupazioni abusive subito dopo le prime consegne di appartamenti nel 1982 e oggi al centro di un progetto di riqualificazione che interessa 1.300 famiglie.

Stimolata da Serena Bortone, con l’incontro alla Biblioteca Nicolini di mercoledì 4 febbraio, Ilaria Borletti Buitoni, che opera in un ministero chiave per la vivibilità e l’identità da affermare a Roma e in tutto il paese ed è stata presidente del Fai, il Fondo Ambiente Italiano, può dare le proprie valutazioni sull’incredibile varietà di casi svelati da Ippolito.

Dalle sue pagine emerge come l’abusivismo non guarda in faccia a nessuno. Balla e fa ballare tutta Italia. Panettieri abusivi (quattro appena scoperti a Lariano, in provincia di Roma), macelli abusivi, studi medici abusivi (un’infinità nella capitale), meccanici abusivi, benzinai abusivi, tassisti anche senza patente abusivi (e Roma ne sa qualcosa), perfino mafiosi e morti abusivi. Si resta a bocca aperta leggendo l’inchiesta di Ippolito e la lista infinita di comportamenti illegali e senza scrupoli degli italiani.

A Forlì e Cesena, estetisti e parrucchieri irregolari sono uno su tre, a Ivrea i carabinieri accertano che un quarantenne, che opera come fisioterapista, in realtà non è un medico, ma un musicista. A Ravenna un falso psicologo segue una settantina di pazienti e si fa pubblicità su internet, tariffario compreso. Grazie a minori costi, gli abusivi falsano la concorrenza. Prosperano e insieme a loro prosperano il lavoro nero e l’evasione fiscale.

Falsi venditori e parcheggiatori sono sempre più al centro di episodi di violenza, a Roma ripetutamente e non solo. A loro guarda la grande criminalità. Nelle costruzioni l’abusivismo è sempre più sfacciato, come dimostrano la deviazione del torrente Modica-Scicli e i mille metri di porto a Ostia rigorosamente illegali. Né l’arte né i santi si salvano: al Circo Massimo è stata installata una scultura di tre metri per tre, del tutto illegalmente, mentre sulla scogliera di Serapo, la spiaggia di Gaeta, è stata cementata abusivamente una statua della Madonna.

Perché l’Italia è una lunga lista di irregolarità fai da te, che fa sorridere ma anche no.

Roberto Ippolito è scrittore e giornalista. Autore dei best seller “Evasori” (Bompiani), “Il Bel Paese maltrattato” (Bompiani) e “Ignoranti” (Chiarelettere). Organizzatore di eventi culturali, lega il suo nome alla direzione di festival letterari a Cinecittà (il primo di una settimana mai realizzato in un centro commerciale), al Maxxi a Roma e a Ragusa. Dopo aver curato a lungo l’economia per il quotidiano “La Stampa”, è stato direttore della comunicazione della Confindustria, delle relazioni esterne dell’Università Luiss di Roma e docente di Imprese e concorrenza alla Scuola superiore di giornalismo della stessa Luiss.






Guarda le gallerie fotografiche

  • 2008 12 16 - Roma, Roberto Ippolito e Rita Levi Montalcini
  • 2008 11 20 - Roma, Roberto Ippolito