“Ignoranti” in scena per l’evento di Dacia Maraini a Pescasseroli giovedì 28 agosto

.

0
0
0
s2sdefault

Dacia Maraini e Roberto Ippolito Maxxi Roma 17 luglio 2014 foto Giovanni Currado AgrRoberto Ippolito Ignoranti Chiarelettere copertina Riflettori puntati su “Ignoranti”. Avviene con “Lib(e)ri in scena”, la rassegna concepita a Pescasseroli, in provincia dell’Aquila, con la direzione artistica della scrittrice e drammaturga Dacia Maraini. L’appuntamento con il libro di Roberto Ippolito ”Ignoranti”, pubblicato da Chiarelettere, è alle 18.00 di giovedì 28 agosto 2014, in piazza Benedetto Croce. L’evento è organizzato dalla Fondazione Erminio e Zel Sipari Onlus d’intesa con il comune di Pescasseroli.

Dacia Maraini ha voluto proporre la riflessione su un tema chiave dell’Italia di oggi: Ippolito denuncia e documenta la grave arretratezza sul fronte dell’istruzione e della cultura. E fa presente che l’unica parola del titolo, “Ignoranti” appunto, “non è una provocazione o un’offesa, ma purtroppo un dato di fatto: l’Italia risulta sistematicamente in coda nei confronti internazionali”. Ricco di numeri e di episodi contemporaneamente esilaranti e inquietanti, il libro pone dunque all’attenzione dell’opinione pubblica un ritardo non più tollerabile. “L’Italia che non sa” è “l’Italia che non va”, come evidenzia il sottotitolo del volume che registra un grosso risultato di vendite.

Dal 22 al 29 agosto, la rassegna “Lib(e)ri in scena” abbina gli incontri con i libri alle rappresentazioni teatrali, affrontando temi sociali caldi e sviluppando l’approfondimento politico. Gli altri autori partecipanti sono Lucia Annibali, con “Io ci sono. La mia storia di non amore”, pubblicato da Rizzoli, Caterina Chinnici, con “È così lieve il tuo bacio sulla fronte”, Mondadori, e Chiara Valentini, con “Enrico Berlnguer”, Feltrinelli. Le due rappresentazioni sono “Cronaca di un amore rubato” di Federica Di Martino, e “Paolo Borsellino essendo stato” di Ruggero Cappuccio.

Roberto Ippolito, scrittore e giornalista, è autore, oltre a “Ignoranti”, dei bestseller "Evasori" e “Il Bel Paese maltrattato”, entrambi editi da Bompiani. In precedenza ha pubblicato con Laterza. Organizzatore di eventi culturali, è il direttore editoriale del festival letterario di Ragusa “A tutto volume” e di “Libri al centro”, il primo evento di una settimana mai realizzato in un centro commerciale, Cinecittàdue a Roma. Inoltre ha ideato e cura “Nel baule” al Maxxi, rassegna con i ricordi dei protagonisti della cultura. Ha curato a lungo l'economia per il quotidiano "La Stampa". E' stato direttore della comunicazione della Confindustria e delle relazioni esterne dell'università Luiss, dove ha insegnato alla Scuola superiore di giornalismo.

 

Foto di Giovanni Currado Agr





Guarda le gallerie fotografiche

  • 2012 05 04 - Viterbo, Roberto Ippolito
  • 2012 05 26 - Ragusa, Ferdinando Scianna e Roberto Ippolito